KWS
   
 

Difesa dalla Cercospora

La difesa dalla cercospora  riveste un ruolo di primaria importanza per raggiungere elevate produzioni di saccarosio con le barbabietole. Questa malattia se non adeguatamente controllata può causare perdite produttive del 20-30% e oltre, compromettendo la redditività della coltura.

In questa pagina indichiamo la strategia da seguire per proteggere efficacemente gli apparati fogliari dal fungo, basata principalmente:

  • sull’inizio guidato dei trattamenti secondo il modello previsionale delle infezioni realizzato dalla soc. BETA   
  • sulla scelta delle miscele fungicide più attive
  • sull’uso delle varietà tolleranti

Consigli per migliorare la difesa dalla cercospora

L’avvio dei trattamenti viene stabilito in base al modello previsionale di BETA elaborando i rilievi climatici di numerose stazioni meteo dislocate nei comprensori di coltivazione. Da quest’anno le visualizzazioni del rischio di infezione cercospora è stato integrato in un Sistema di Supporto Decisionale (DSS) predisposto da Beta ed accessibile dal sito http://www.meteomonitor.com/meteobeta/betauser/   dove sarà possibile seguire in tempo reale l’evoluzione della malattia.

INFEZIONI CERCOSPORA IN BASE AL MODELLO PREVISIONALE DI BETA

Aggiornata al 13/06/2017

difesa cercospora 2017-2

  • Iniziare tempestivamente i trattamenti all’arrivo dell’avviso inviato da parte della filiera bieticolo-saccarifera.                           
  • Utilizzare preferibilmente prodotti fungicidi e miscele a buona efficacia anticercosporica applicati alle dosi massime di etichetta.

COMBINAZIONI DI PRODOTTI A MAGGIOR EFFICACIA CONSIGLIATE CONTRO LA CERCOSPORA

combinazione contro cercospora 2017

 

(§) Avviso via sms da parte della filiera bieticola sulla base del modello BETA

(1) CLORTOSIP 500SC - Consentiti max. 2 trattamenti a 2 kg/ha se impiegato da solo e 1,5 kg/ha in miscela con altri fungicidi
(2) ENOVIT METILE FL BEET - Consentito un solo trattamento per anno.
(3) PENNCOZEB DG - Consentiti massimo 3 trattamenti per anno.
(4) Utilizzare preferibilmente fosfiti di rame (Curvit Cu, Actifos Cu e altri)
(5) Utilizzare preferibilmente fosfiti di potassio (Ionifos, Aleado, Phosax, Fosfiland, Vegetik, Furiak e altri)
  • Possibilmente addizionare integratori (fertilizzanti fogliari, biostimolanti, fosfiti) ai prodotti per la lotta alla cercospora che per la loro azione miglioratrice sulla crescita e sull’equilibrio nutrizionale delle bietole permettono di ottenere migliori risultati nella difesa.
  • Rispettare un intervallo di 15 giorni fra i trattamenti, programmando 2-4 trattamenti in funzione dell’epoca di raccolta. In caso di piogge abbondanti o irrigazioni tale intervallo dovrà essere ridotto.
  • Sospendere i trattamenti circa 30 giorni prima della raccolta.
  • Eseguire i trattamenti quando gli apparati fogliari sono eretti, possibilmente nel primo mattino o verso sera.
  • Utilizzare elevati volumi d’acqua (500 L/ha con le barre tradizionali e 250-300 L/ha con barre a flusso d’aria).

Per tutti i prodotti si dovranno rispettare i periodi di sicurezza e le limitazioni d’uso previste in etichetta per le dosi e numero dei trattamenti. Per chi aderisce a specifiche azioni di lotta integrata si dovranno rispettare i disciplinari predisposti dalle regioni.

 

 
KWS